DJI Mini 3: data di uscita nel 2022?

dji mini 3 data uscita

L’anno scorso non è stato presentato il DJI Mini 3, nonostante l’attuale DJI Mini 2 sia arrivato a novembre 2020. Quindi possiamo aspettarci di vedere una terza puntata del mini drone conveniente di DJI quest’anno? Sebbene le voci siano relativamente scarse a riguardo, abbiamo arrotondato tutte le ultime speculazioni e aggiunto la nostra analisi di ciò che vorremmo vedere da un DJI Mini 3.

DJI Mini 3, cosa aspettarsi

È stato un inizio d’anno interessante per i droni compatti: l’Autel Evo Nano è finalmente arrivato e il DJI Mini SE è stato messo in vendita in alcuni nuovi territori. Quel drone di eccezionale valore evidenzia perché potrebbe essere il momento per un nuovo drone ultraleggero di fascia alta.

Dall’arrivo del Mini 2, DJI ha migliorato la sua tecnologia di trasmissione wireless proprietaria Ocysync e riteniamo che i miglioramenti nella potenza del processore e nella tecnologia del sensore della fotocamera dovrebbero significare che il Mini 3 potrà gestire l’acquisizione di video con frame rate più elevato. La combinazione di questi fattori probabilmente lo vedrebbe andare a ruba.

In questa anteprima di DJI Mini 3 daremo un’occhiata ad alcuni dei rapporti e delle voci pre-annuncio per avere un’immagine parziale che descrive in dettaglio cosa aspettarsi da questo drone. E poi esamineremo un po’ più a fondo alcune delle caratteristiche che vorremmo vedere nel DJI Mini 3.

DJI Mini 3: specifiche e caratteristiche attese

Non ci sono ancora grandi fughe di notizie sul DJI Mini 3, a parte la roadmap dichiarata che ci fornisce un indizio sulla data di rilascio del drone. Uno dei post più interessanti, tuttavia, è stato del pilota di droni OsitaLV su Twitter, che includeva speculazioni sui possibili cambiamenti in arrivo nel nuovo modello.

Ha suggerito che vedremo un’aerodinamica migliorata, eliche più grandi, un processore SoC (System on a Chip) a chip singolo, un sensore della fotocamera più grande, una maggiore durata della batteria e migliori sensori di rilevamento degli ostacoli. Tutti questi suggerimenti sembrano abbastanza credibili, ma non equivalgono a più di una serie di note su ciò che un utente di droni pensa accadrà.

Tuttavia, possiamo affermare, quasi categoricamente, che il DJI Mini 3 peserà meno di 250 g. Questo a sua volta suggerisce che non vedremo cambiamenti drammatici nelle dimensioni e nella forma del drone.

Certo, potrebbe avere bracci del rotore leggermente inclinati come suggerito da OsitaLV su Twitter, ma il peso ridotto e la facile portabilità pieghevole sono ancora fattori determinanti. La specifica categoria di peso inferiore a 250 g è fondamentale perché al di sopra di tale peso i droni in genere rientrano in un’altra categoria legale in alcuni territori.

In Italia, ad esempio, i droni di peso inferiore a 250 g non devono avere il patentino per essere pilotati. Puoi semplicemente usarli, in base alla serie di regole che si applicano a qualsiasi pilota di droni, come la registrazione.

Il DJI Mini 3 non sarà un drone di medio livello in termini di dimensioni e peso, posizionato tra il Mini SE e i modelli Air più grandi. Sarà simile al DJI Mini SE sotto questo aspetto.

Tuttavia, è probabile che questo nuovo drone venga utilizzato come veicolo per evidenziare uno dei grandi ed entusiasmanti cambiamenti in arrivo nell’ecosistema dei droni DJI. DJI ha modificato il suo SDK, il kit di sviluppo software, per offrire agli sviluppatori di terze parti l’accesso a più funzionalità hardware di base.

Ciò consentirà agli sviluppatori di applicare patch in modalità software mancanti dalle abilità di base del drone. Anche il Mini 2 trarrà vantaggio da questo, ma c’è la possibilità che possa essere venduta come “caratteristica” al lancio del Mini 3. Ecco alcune delle funzionalità che speriamo e ci aspettiamo di vedere.

Acquisizione video 4K/60p

Il DJI Mini 2 può girare video 4K, ma solo a 30 fotogrammi al secondo. Un aggiornamento del frame rate a 4K/60p è la via più ovvia per acquisire video più utili in un drone piccolo e ragionevolmente conveniente.

Non si tratta solo di caricare filmati a 60 fotogrammi al secondo, ma anche di avere la flessibilità di rallentare i filmati a velocità dimezzata in post produzione quando si lavora a 30 fotogrammi al secondo.

È probabile che molti sensori della fotocamera delle dimensioni e della risoluzione del Mini 3 offrano supporto per questa velocità di video: dovrebbe essere sicuramente realizzabile.

Un sensore della fotocamera più grande

C’è la possibilità che il DJI Mini 3 possa inserire un sensore della fotocamera più grande rispetto al suo attuale chip da 1/2,3 pollici. Ciò consentirebbe al drone di ottenere risultati migliori, ad esempio, al tramonto o all’alba. Entrambi sono ottimi momenti per catturare straordinari filmati di droni, ricchi di colori interessanti e percorsi di luce drammatici.

Una maggiore gamma dinamica sarebbe il vantaggio principale di un sensore più grande, consentendo a DJI di conservare i dettagli delle alte luci senza schiacciare le ombre nel nero. Tuttavia, non siamo del tutto sicuri che il DJI Mini 3 abbia sicuramente bisogno di un sensore più grande per questa generazione.

Mentre alcuni rivali hanno sensori più grandi rispetto al Mini 2, quella fotocamera batte ancora quasi tutti con un’elaborazione superiore, che include una migliore tonalità di colore e una gestione superiore delle ombre. Tuttavia, considerando quanto è bello il video del sensore da 1 pollice dell’ Air 2S, non diremmo di no a un sensore più grande.

Ocusync 3.0

DJI ha introdotto Ocusync 3.0 da quando ha presentato il Mini 2. Questo è lo standard di trasmissione wireless dell’azienda, che trasmette il feed live dalla fotocamera del drone al telefono o al telecomando.

Ocysync 3.0 utilizza il doppio del numero di antenne, il che senza dubbio sarà una sorta di mal di testa ingegneristico in un drone così piccolo. Tuttavia, ridurrebbe la latenza e migliorerebbe il bit-rate e il frame-rate della visualizzazione live, offrirebbe una migliore affidabilità quando si controlla il drone da lontano e aumenterebbe la portata massima.

Ciò aiuterebbe anche a mettere ancora più distanza tra la serie Mini e il Mini SE, che utilizza la trasmissione Wi-Fi standard anziché Ocusync.

Sensori di prevenzione degli ostacoli

Spremere un paio di antenne è un enigma per gli ingegneri hardware di DJI. Ma c’è un problema più grande da risolvere: uno dei principali compromessi di questi piccoli droni è la mancanza di sensori di ostacolo.

Il Mini 2 e il Mini SE hanno solo un paio di sensori sul lato inferiore, per cercare oggetti sotto il drone. Questi sensori utilizzano hardware ottico, in effetti un paio di occhi che utilizzano il parallasse per creare una mappa della profondità del mondo, o sensori a infrarossi, in cui viene utilizzato il tempo necessario al segnale per rimbalzare su un oggetto e tornare al drone per calcolare la distanza dagli ostacoli.

I sensori ottici funzionano alla grande durante il giorno, gli infrarossi possono subentrare in condizioni di scarsa illuminazione. Ma mentre il Mini 3 non avrà il rilevamento di oggetti a 360 gradi – semplicemente non c’è spazio nel budget, sia esso il budget monetario, le dimensioni o il peso – potrebbe avere un set secondario di sensori di ostacolo nella parte anteriore. Per fare un confronto, il DJI Air 2S ha l’hardware del sensore anteriore, posteriore, verso l’alto e verso il basso.

Un altro set di sensori di ostacolo è un fattore piuttosto importante per rendere più utile il supporto migliorato delle app di terze parti di DJI. L’aggiunta di modalità di rilevamento e movimento programmato è una delle strade principali per queste app e, per farlo con successo, un drone deve essere in grado di navigare in sicurezza. Sensori aggiuntivi dovrebbero consentire una funzione “seguimi”, forse fornita dalla stessa DJI piuttosto che tramite app di terze parti come Litchi.

Ricarica più veloce

È improbabile che una ricarica più rapida della batteria sia un grande vantaggio per coloro che comprerebbero il pacchetto Mini 3 Fly More, che include batterie extra. Tuttavia, se stai cercando un drone di qualità per un uso occasionale, la ricarica rapida sarebbe un’ottima aggiunta al DJI Mini 3 di base.

Il Mini 2 ha attualmente una ricarica moderatamente veloce da 18 W, alimentata da Qualcomm Quickcharge 2.0. Poiché il DJI Mini 3 avrà un connettore USB-C, sarebbe bello vedere questi droni passare a USB-PD. La parte “PD” sta per Power Delivery, o erogazione di potenza, che è un altro standard di ricarica.

Mentre altri standard di ricarica possono andare ben oltre i 18 W, USB-PD è un percorso semplice che potrebbe facilmente vedere l’aggiornamento di DJI a circa 30 W, per la ricarica della batteria in meno di un’ora.

Tempo di volo aumentato

L’aumento del tempo di volo è uno dei miglioramenti più richiesti per il DJI Mini 3. Si guardino rivali come Hubsan Zino Mini SE, che ha un’autonomia di 45 minuti, per capire come la longevità di questa serie di 30-31 minuti non è concorrenziale.

Tuttavia, abbiamo dei veri dubbi sul fatto che sia probabile un miglioramento del 50% corrispondente a Husban. Nei tre modelli di questa serie, Mavic Mini, Mini 2 e Mini SE, c’è una deviazione di un minuto nei tempi di volo dichiarati.

Stiamo già chiedendo a DJI di inserire più sensori di ostacolo senza aumentare il peso complessivo, ed elementi come lo stabilizzatore gimbal della serie Mini non sono leggeri, in termini di peso. Anche spremere qualche minuto in più da un nuovo DJI Mini 3 sarebbe piuttosto impressionante. Un tempo di volo di 33-35 minuti sembra più probabile degli oltre 40 minuti che alcuni speculatori sperano.

Deluso? Prendi questo come dimostrativo della dedizione di DJI nell’offrire buoni standard su tutta la linea, in aree come la stabilità del volo e la fluidità delle riprese registrate, piuttosto che sentire il bisogno di eguagliare rivali che non sono così forti in altre aree principali. Come sempre, saremo felici di essere smentiti.

Non ci resta che aspettare la presentazione ufficiale per sapere le caratteristiche e la data di uscita del DJI Mini 3.


Se ti è piaciuto questo articolo sul DJI Mavic Mini 3, leggi Xiaomi Mi 11 lite vs Redmi Note 10 pro, o potresti dare una occhiata ai nostri approfondimenti sui migliori smartphone sotto i 200 euro, i migliori telefoni sotto i 250 euro, i migliori smartphone sotto i 300 euro, o sui migliori auricolari bluetooth, le migliori chiavette USB, le migliori schede SD, le migliori micro SD per smartphone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.